OK
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori.
Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. INFORMAZIONI

La Corte Suprema di Zuckerberg

  venerdì 8 maggio 2020, 21.36
La Corte Suprema di Mark Zuckerberg: l'editoriale del Direttore Elio Pariota dell'8 Maggio 2020

Venti esperti internazionali provenienti dal mondo della politica, del diritto, dell’informazione, della tutela dei diritti umani e così via. Ne saranno 40 a regime e parleranno complessivamente 29 lingue.
E’ il Comitato di controllo voluto da Facebook, al quale gli oltre 2 miliardi di utenti del social network potranno appellarsi in merito a cancellazioni di contenuti e profili, nonché alla rimozione di fake news e post incitanti all’odio. Le decisioni di questa sorta di “Corte Suprema dei contenuti” saranno definitive e vincolanti.
Il colosso di Mark Zuckerberg è lanciato sulla strada di una autoregolamentazione all’insegna della trasparenza e – soprattutto - dell’indipendenza.
Resta da comprendere la portata reale di tale iniziativa.

Quale sarà il confine tra libertà di parola e censura?
E’ credibile la creazione di uno standard planetario al quale tutti gli individui dovranno uniformarsi pur avendo storia, usi, culture e sensibilità diverse?
Non sappiamo.
Quando si ha che fare con la libertà di espressione – declinata in tutte le sue forme – la cautela diventa un obbligo.