OK
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori.
Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. INFORMAZIONI

Nell’inferno di Tomohon: l'editoriale di Elio Pariota

  venerdì 15 maggio 2020, 18.16
Nell’inferno di Tomohon: l'editoriale del Direttore Elio Pariota del 15 Maggio 2020

Ratti, pipistrelli, serpenti, lucertole, ma anche cani randagi…In alcune aree del mondo, principalmente asiatiche, il mercato della fauna selvatica non conosce sosta.
Laddove la tradizione si fa beffe delle sanzioni, la frenesia popolare asseconda un commercio criminale che mette a rischio la salute pubblica.
Proprio così. Nonostante su un campione di 5000 persone del sud-est asiatico (Thailandia, Vietnam, Myanmar) e di Hong Kong - il 93% degli intervistati spinga per eliminare i mercati illegali e non regolamentati, in Indonesia la storia è sempre la stessa.
Nell’inferno di Tomohon, il più famoso e cruento mercato di quell’arcipelago, i macellai fanno a pezzi gli animali selvatici ignorando i moniti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sull’origine zoonotica del famigerato Covid-19.
Zoonotica, cioè che si trasmette dagli animali all’uomo. Zoonotica, come altre epidemie quali Sars, Mers ed Ebola.
Un rischio altissimo al quale siamo tutti esposti. Solo che troppi incoscienti fingono di non vederlo.