OK
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori.
Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. INFORMAZIONI

La liturgia del Covid

  venerdì 22 maggio 2020, 21.20
La liturgia del Covid: l'editoriale del Direttore Elio Pariota del 22 Maggio 2020

C’è stato un tempo nel quale ai Re di Francia e d’Inghilterra veniva attribuito il potere di guarire gli appestati e gli scrofolosi con un semplice tocco delle mani.

Miracolo? Piuttosto una gigantesca notizia falsa di epoca medievale, propagatasi nei secoli, che il grande storico francese Marc Bloch ci ha rappresentato nelle pagine del suo saggio “I re taumaturghi”.

Una ipnosi collettiva che ha retto fino a quando è stato possibile dare lievito alla credenza popolare.

La pandemia di questi mesi non si nutre di miracoli, ma di una liturgia ben più potente: quella dell’amplificazione attraverso i media; con aggiornamenti in tempo reale su ammalati, deceduti, guariti… In attesa del vaccino.

La sensazione è che il Covid finirà quando non avremo più voglia di considerarlo letale; quando la stanchezza alla lunga fase di costrizione prenderà il sopravvento sulla nostra resilienza; quando – pur tra mille cautele, agendo con senso di responsabilità e nel rispetto delle norme – decideremo di riprenderci la nostra vita.