OK
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori.
Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. INFORMAZIONI

Rotto l’ascensore sociale, borghesia in crisi

  venerdì 26 marzo 2021, 23.34
Rotto l’ascensore sociale, borghesia in crisi: l'editoriale del Direttore Elio Pariota del 26 Marzo 2021

C’era una volta la borghesia, quell’ampia costellazione sociale costituita da impiegati, insegnanti, professionisti, dirigenti pubblici e privati, militari, commercianti e così via.

Una classe media razionale e fiduciosa nel perseguimento delle proprie finalità; tradizionalista, perbenista e moderatamente solidale, oltre che politicamente eterogenea.

Un ceto che – secondo un’indagine BVA DOXA per conto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo - appena nel 2019 registrava l’ulteriore ingresso di circa 1,3 milioni di famiglie, a riprova di una ritrovata vitalità dopo la battuta d’arresto del triennio precedente.

Poi il Covid ha resettato tutto: prima della pandemia il ceto medio costituiva il 40% della popolazione, ora è crollato al 27%.

Quell’ascensore sociale che aveva permesso a tanti di diventare classe di mezzo e di aspirare ad un benessere stabile, si è rotto.

Lasciando a piedi un’umanità borghese in crisi d’identità, ormai sempre più debole, smarrita e indifesa.