OK
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori.
Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. INFORMAZIONI

Università 3.0: i nuovi modelli di apprendimento in rete

  giovedì 24 luglio 2014, 00.00

"Università 3.0 - I nuovi modelli di apprendimento in rete" è il tema del forum promosso dall'Università Telematica Pegaso oggetto di un servizio trasmesso dal Tg1.

Esperti nazionali ed internazionali si sono confrontati sulle nuove modalità di apprendimento on-line, in quello che a pieno titolo può definirsi il dibattito più importante e prestigioso in Italia in materia di E-learning.

"I circa 6mila iscritti all'Università Telematica Pegaso per i corsi di laurea dell'Anno Accademico 2013/2014 - ha sottolineato Danilo Iervolino, presidente del Consiglio di Amministrazione dell'Università Telematica Pegaso -, una gran parte dei quali under 25, dimostrano come l'Ateneo istituito nel 2006 sia diventato negli ultimi anni una presenza concreta nel mondo accademico italiano. Il trend di crescita rispetto all'anno precedente nello stesso periodo dell'anno è del 35%. I circa 50mila iscritti ai corsi post-laurea dal 2000 ad oggi raccontano di una realtà oramai consolidata, capace di ampliare la propria offerta formativa seguendo le richieste del mercato del lavoro e soddisfacendo quelle degli studenti grazie anche ad un corpo docenti ricco ed esperto, caratterizzato da figure professionali d'altissimo profilo".

"Le università telematiche rappresentano uno strumento democratico fondamentale", ha detto Gianni Pittella, vicepresidente del parlamento europeo, aprendo la tavola rotonda. "Attraverso queste strutture - ha aggiunto Pittella - i saperi e le conoscenze possono trovare il pubblico più vasto possibile, aiutando la crescita di tutti i cittadini. Questa è, del resto, la missione che persegue la Comunità Europea in termini di formazione accademica ed universitaria".

"In linea generale - ha osservato Giancarlo Laurini, commissario straordinario del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili -, si può dire che la formazione continua è essenzialmente una filosofia della formazione che tende a rispondere positivamente alla necessità di dare, o ridare, all'uomo una posizione centrale nella vita economica, sociale e anche "politica", in senso ampio, delle moderne democrazie".

All'incontro, hanno partecipato la professoressa Luigia Melillo, responsabile del LifeLong Learning dell'Università Telematica Pegaso, Aurelio Simone, direttore della Scuola Iad dell'Università di Tor Vergata

Charo Romano, Tesoriere e Membro del Consiglio Direttivo dell'European University Continuing Education Network (Eucen), la più grande Associazione Europea multidisciplinare di LifeLong Learning con sede in Belgio e con 195 membri di 36 differenti paesi, chiarirà quali sviluppi ha avuto e quali può ancora avere l'e-learning in Europa.