OK
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori.
Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. INFORMAZIONI

Burocrazia assassina

  venerdì 24 ottobre 2014, 00.00

Diritto & Rovescio del 17/10/2014. La rubrica del nostro Direttore Generale Elio Pariota.

Morire per una fotocopia. Si può? Certo che sì. 

In uno Stato dove la burocrazia accompagna e opprime il cittadino dalla culla alla tomba di cosa vogliamo meravigliarci? Dunque è successo. 

A Pordenone, qualche giorno fa. Un imprenditore non ancora sessantenne – conosciutissimo nella zona in quanto gestore del Caffè Letterario da ben 12 anni – ha deciso di farla finita perché non è riuscito a rassegnarsi all’evidenza. 

La dimenticanza gli è stata fatale: escluso dalla graduatoria dell’appalto per il rinnovo della gestione del “suo” Caffè Letterario perché nella busta mancava la fotocopia del documento d’identità. 

Tutto chiaro, il bando è bando, la norma è norma, il funzionario comunale fa il suo dovere. Quindi il gesto estremo. 

L’ennesima assurda tragedia di un’Italia prigioniera delle proprie follie amministrative, anestetizzata nella capacità dei suoi uomini di discernere ciò che è indispensabile da ciò che non lo è. 

Una gigantesca burocrazia assassina che ha sopito ogni sussulto, che ha disarmato e annichilito la società civile, che ha condotto le coscienze alla rassegnazione, che ha gettato questo Paese nel più profondo degli oblii.