OK
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori.
Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. INFORMAZIONI

Le paure globali degli europei

  lunedì 15 dicembre 2014, 00.00

Diritto & Rovescio del 05/12/2014. La rubrica del nostro Direttore Generale Elio Pariota.

Un milione di firme per dire no al Ttip, acronimo di Transatlantic Trade and Investment Partnership, il Trattato che mira a far diventare Europa, Canada e Stati Uniti un gigantesco mercato da oltre un milione di consumatori. Di cosa hanno paura i firmatari del documento? Con questo accordo - tuonano - vanno a farsi benedire le specificità delle produzioni locali. Per fare un esempio, in ambito agroalimentare sulle nostre tavole finirebbero prodotti geneticamente modificati, imbottiti di ormoni o di chissà cos’altro. Giusta o sbagliata che sia la protesta va avanti e le autorità di Bruxelles alla lunga non potranno non tenerne conto. Perché se a queste paure si sovrappongono quelle legate agli effetti di una interminabile crisi economica, all’incubo occupazionale, alla fobia verso gli immigrati, la miscela diventa esplosiva. E a nulla vale far notare che per l’Europa il Ttip significa benefici pari a 120 miliardi di euro all’anno. La paura è più forte. Già, la paura….

Come ricorda una celebre frase di Nelson Mandela “E’ la nostra luce, non la nostra ombra, a spaventarci di più”.